Guida dei vitigni
   Freisa

Vitigno piemontese a bacca rossa, ricordato già nel 1799 dal Conte Nuvolone, è diffuso prevalentemente nell'Astigiano, nei dintorni di Casale Monferrato, Alessandria e Cuneo. Ne esistono almeno due varietà: La Freisa Piccola, presente prevalentemente in zona collinare e la Freisa Grossa, più produttiva ma che dà vini con minor carattere e personalità; questa seconda varietà è detta anche Neretta Cuneese o Freisa di Nizza ed è molto utilizzata nel Pinerolese e nel Saluzzese. Se ne trova qualche centinaio di ettari anche in Argentina. Ha foglia medio-piccola, trilobata, raramente pentalobata, verde chiaro; grappolo allungato, quasi cilindrico, lievemente alato, piuttosto spargolo; acini medi leggermente ovali o sub-rotondi, con buccia sottile, resistente e con abbondante pruina, il colore è nero-bluastro. Matura fra la fine di settembre e la prima decade di ottobre.

Segue, per regione,  un elenco di tutte le D.O.C. dove è consentito l'utilizzo di questo vitigno e una selezione di produttori che ne fanno uso in almeno uno dei loro vini.

Valle d'Aosta

Vallée d'Aoste (sottozona Arnad Montjovet) - in uvaggio

Vallée d'Aoste (sottozona Donnas) - in uvaggio

Piemonte

Albugnano - in uvaggio

Barbera d'Asti - in uvaggio (10÷15%)

Barbera del Monferrato - in uvaggio (10÷15%)

Canavese - in uvaggio

Colli Tortonesi - da sola o in uvaggio

Collina Torinese - in uvaggio (min. 25%)

Freisa d'Asti - in purezza

Freisa di Chieri - in purezza

Gabiano - in uvaggio (5÷10%)

Grignolino d'Asti - in uvaggio (fino al 10%)

Grignolino del Monferrato Casalese - in uvaggio (fino al 10%)

Langhe - in uvaggio

Malvasia di Casorzo d'Asti - in uvaggio (fino al 10%)

Malvasia di Castelnuovo Don Bosco - in uvaggio (fino al 15%)

Monferrato - da sola o in uvaggio

Pinerolese - da sola o in uvaggio

Rubino di Cantavenna - in uvaggio

Guida dei vitigni