Lavinium Guida ai vitigni

Albarossa

AlbarossaOrigini:

Ottenuto nel 1938 da Giovanni Dalmasso incrociando Nebbiolo e Barbera, nel tentativo di fondere in un'unica varietà le caratteristiche e le qualità dei due vitigni piemontesi. Attualmente il prof. Franco Mannini, del Centro di studio per il miglioramento genetico e la biologia della vite, sta portando avanti la sperimentazione dell'Albarossa presso varie aziende, con risultati degni di interesse. Il vitigno è conosciuto anche come Incrocio Dalmasso XV/31.

Caratteristiche e esigenze ambientali e colturali: Ha foglia media, pentagonale e pentalobata; grappolo medio, piramidale, mediamente compatto, alato; acino piccolo, di forma ellittica con buccia ricoperta di abbondante pruina, sottile ma consistente, di colore rosso-violetto. Ha una produzione abbondante e costante, predilige terreni collinari di medio impasto e ben esposti.

Malattie e avversità: Resiste abbastanza bene ai principali agenti parassitari e alle avversità climatiche.