Lavinium Guida ai vitigni

Bianco d'Alessano

Bianco d'AlessanoOrigini:

Vitigno a bacca bianca di origine sconosciuta, la cui presenza nelle Murge Martinesi (Taranto) sembra risalire al 1870. Per molto tempo è stato coltivato insieme ad altre varietà locali, soprattutto con la verdeca, che ha finito per prevalere grazie alla sua colorazione verdolina nei vini, più apprezzata dai consumatori rispetto al giallo paglierino chiaro del bianco d'Alessano.

Caratteristiche e esigenze ambientali e colturali: Ha foglia medio-grande, orbicolare; grappolo medio-grande, cilindrico-conico, semplice o con un'ala, compatto; acino medio, sferico, con buccia spessa ricoperta di abbondante pruina, di colore giallo uniforme. Predilige terreni di medio impasto, abbastanza profondi; i sistemi di allevamento devono essere a media espansione, con potatura ricca. La produzione è abbondante.

Malattie e avversità: Tollera abbastanza le principali malattie crittogamiche, l'oidio e la peronospora. Nelle annate difficili può essere soggetto ad acinellatura. Ha scarsa resistenza alle gelate.