Caricagiola

Origini:

Vitigno a bacca rossa, di probabili origini sarde, in particolare potrebbe provenire dalla Gallura. Il Foëx, nel 1909, fa cenno al vitigno Carcajola, coltivato in Corsica ma importato dalla Sardegna. La sua somiglianza con il Vermentino nero, suggerirebbe una seconda ipotesi di provenienza ligure. "Carcaghjolu nero" significa "nero che dà molta uva". Vitigni con caratteristiche molto simili al Caricagiola, sono il Mourvèdre o Bonvedro, coltivato in Portogallo e il Ribote o Coatendra, rintracciabile in Spagna. Ha molti sinonimi: Carcagiola, Bonifacengo, Garricadolza, Carcagiola, Carcaghjolu.

 

Caratteristiche e esigenze ambientali e colturali:

Ha foglia grande, pentagonale e pentalobata; grappolo medio, conico o cilindrico, a volte alato, semiserrato; acino medio, di forma sub-ovale con buccia ricoperta di abbondante pruina, spessa e consistente, di colore nero violaceo. Ha una produzione abbondante e costante, predilige terreni sciolti, siliceo-argillosi, clima caldo, anche se ha buone capacità di adattamento.

Malattie e avversità:

Resiste abbastanza bene ai principali agenti parassitari e alle avversità climatiche, è particolarmente sensibile al marciume acido.

Guida dei vitigni
© laVINIum.com - Tutti i diritti riservati
E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito.
Il collegamento al data base della guida è vietato senza esplicita autorizzazione
della direzione editoriale.
lavinium@lavinium.com