Girò

Origini:

Varietà a bacca nera presente nella parte meridionale della Sardegna, le cui origini risalgono probabilmente al periodo della dominazione spagnola. La sua diffusione massima si è avutao intorno al '700, durante il governo dei Piemontesi, secondo le direttive del Marchese di Rivarolo. Dopo il flagello della fillossera, avvenuto nella seconda metà dell'800, la maggior parte dei viticoltori preferirono impiantare altre varietà più produttive e meno difficili del girò, che rimase discretamente presente nella provincia di Cagliari. Con il riconoscimento della Denominazione di Origine Controllata, avvenuto nel 1979, il girò suscitò nuovo interesse, soprattutto per le sue straordinarie possibilità espressive come vino liquoroso. Secondo le zone può essere chiamato con diversi sinonimi, fra cui zirone (o girone) di Spagna, girò comune rosso, girò nigro o nieddu alzu, aghina bàrja, girò sardo e girò rosso di Spagna.

 

Caratteristiche e esigenze ambientali e colturali:

Ha foglia media, pentalobata, a volte trilobata, di forma reniforme; il grappolo può essere da medio a grande, cilindrico-conico, spesso alato e piramidale, generalmente semi-spargolo; l'acino ha media grandezza, è subrotondo o rotondo, con buccia consistente, di colore nero-violaceo più o meno intenso, la polpa è dolce e consistente, di sapore neutro. Predilige terreni calcareo-argillosi, profondi e freschi, non umidi; il clima ideale nel periodo primaverile-estivo è di tipo caldo e asciutto. Viene allevato con forme non molto espanse e potatura corta. Ha produzione elevata ma incostante.

Malattie e avversità:

Ha discreta resistenza alle avversità del tempo, media o scarsa tolleranza alle principali malattie crittogamiche. 

Segue, per regione, un elenco di tutte le D.O.C. e D.O.C.G. dove è consentito l'utilizzo di questo vitigno e una selezione di produttori che ne fanno uso in almeno uno dei loro vini.

Sardegna:

 - Girò di Cagliari - 100%

Produttori di interesse:

 - Meloni
Guida dei vitigni
© laVINIum.com - Tutti i diritti riservati
E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito.
Il collegamento al data base della guida è vietato senza esplicita autorizzazione
della direzione editoriale.
lavinium@lavinium.com