Guida dei vitigni
Malbech

Origini:

Vitigno a bacca nera di origine francese, molto diffuso nel bordolese. Anche in Italia, era molto coltivato, fino all'aumento di interesse nei confronti del Cabernet e del Merlot, che ne hanno ridotto notevolmente l'utilizzo. Il Malbech è giunto in Italia intorno alla metà del secolo scorso, ma date sicure le ritroviamo solo nel 1881, quando il Conte Provana di Collegno (Torino) illustra il suo Malbech all'esposizione ampelografica di Pinerolo. Attualmente è coltivato nel Veneto e in Friuli, e scarsamente in altre regioni italiane. Secondo alcuni studiosi della vite, molto spesso il Malbech viene confuso con delle selezioni clonali particolari di Merlot. Ha molti sinonimi: Cahors, Costa Rossa, Pressac, Auxerrais, Balouzat, Côt, Noir Doux, Pied de perdrix, Pied Rouge, Grifforin, Piperdy, Jacobin, Malbec, Malbeck, Monrame.

 

Caratteristiche e esigenze ambientali e colturali:

Ha foglia di grandi dimensioni, orbicolare, intera o trilobata; grappolo medio o grosso, piramidale, alato, mediamente compatto; acino medio-grosso, sferico, con buccia consistente, di colore nero-blu, con discreta quantità di pruina. La produttività risente degli andamenti stagionali; si adatta facilmente a potature sia lunghe che corte e rende al meglio con sistemi di allevamento espanso con portinnesti deboli. I terreni ideali sono argilloso-calcarei, compatti e asciutti. 

Malattie e avversità:

In primavera umida, è facilmente soggetta a colatura e acinellatura, anche gravi; soffre le gelate, anche se la sua capacità di fruttificare sui germogli secondari ne riduce i danni. E' sensibile all'oidio, alla peronospora, alla botrytis, al marciume acido e all'escoriosi.

Segue, per regione, un elenco di tutte le D.O.C. e D.O.C.G. dove è consentito l'utilizzo di questo vitigno e una selezione di produttori che ne fanno uso in almeno uno dei loro vini.
Puglia

Rosso di Cerignola - 0÷15%

Produttori consigliati

Santa Lucia (Puglia), Orlandi Contucci Ponno (Abruzzo), Bosco del Merlo, Loredan Gasparini, Santa Margherita (Veneto)

Guida dei vitigni