Moscato bianco

Origini:

Varietà a bacca bianca diffusa in quasi tutta la penisola italica ed è la quarta uva bianca per superficie vitata. Corrisponde al vitigno francese "muscat blanc à petit grains". Il nome deriva probabilmente da muscum, muschio, il cui aroma caratteristico si ritrova nell'uva (musquè per i francesi) e, molto probabilmente corrisponde all'anathelicon moschaton dei Greci e all'uva apiana dei Romani. La quantità di sinonimi è lunghissima e varia da regione a regione, da Stato a Stato. Alcuni fra i più conosciuti sono moscatello di Montalicino, moscato di Canelli, moscadello giallo, moscato di Trani, moscato d'Asti, moscato dei Colli Euganei, moscato di Siracusa, moscato di Orso Sennori, moscato reale, biblina, muscat blanc o à petit grains e muscat de Frontignan in Francia, gelber musckateller, grüner muskateller, weisser musckateller, weisser muscatel traube (in Germania), moscatel menudo blanco in Spagna, White Frontignan in Gran Bretagna. Non va confuso, invece, con il moscato giallo, il moscato d'Alessandria (zibibbo) e il moscato fior d'arancio.

 

Caratteristiche e esigenze ambientali e colturali:

Ha foglia media, pentagonale, trilobata o pentalobata; grappolo medio, cilindrico-piramidale, alato, da compatto a semi-spargolo; l'acino può essere medio o medio-grande, sferoidale o leggermente appiattito, con buccia sottile, di colore giallo-verdastro, tendente al dorato se ben esposto al sole; è ricoperto da uno strato leggero di pruina; la polpa ha il caratteristico sapore dolce e aromatico. Predilige terreni marnoso-calcarei, non eccessivamente argillosi e umidi, clima asciutto e ventilato. Ha produzione buona e costante e tollera bene la siccità estiva. I sistemi di allevamento devono essere non troppo espansi e con potatura ricca.

Malattie e avversità:

E' molto sensibile all'oidio, alla peronospora, al mal dell'esca e all'escoriosi, teme anche la botrite e il marciume acido. Tollera abbastanza il freddo. La sua ricchezza di zuccheri nella fase matura favorisce l'attacco di insetti e vespe. 

Segue, per regione, un elenco di tutte le D.O.C. e D.O.C.G. dove è consentito l'utilizzo di questo vitigno e una selezione di produttori che ne fanno uso in almeno uno dei loro vini.

Piemonte:

 - Asti o Moscato d'Asti - 100%
 - Loazzolo - 100%
 - Piemonte - 100% (con menzione Moscato o Moscato Passito) 

Valle d'Aosta:

 - Vallée d'Aoste o Valle d'Aosta - 100% (Chambave Moscato o Muscat, Chambave Moscato Passito o Muscat Flétri)

Lombardia:

 - Oltrepò Pavese - min. 85% (con menzione Moscato)

Veneto:

 - Colli Euganei - min. 95% (con menzione Moscato)
 - Vicenza - min. 85% (con menzione Moscato)

Liguria:

 - Golfo del Tigullio - 100% (con menzione Moscato o Moscato Passito)

Emilia Romagna:

 - Colli di Parma - 0÷15% (Malvasia)
 - Colli Piacentini - 20÷50% (Bianco Monterosso Val d'Arbia), 10÷20% (Bianco Trebbianino Val Trebbia)

Toscana:

 - Elba - 100% (con menzione Moscato Bianco)
 - Moscadello di Montalcino - min. 85%

Lazio:

 - Colli Etruschi Viterbesi - min. 85% (con menzione Moscatello)

Abruzzo:

 - Controguerra - min. 85% (con menzione Moscato Amabile)

Molise:

 - Molise o del Molise - min. 85% (con menzione Moscato)

Campania:

 - Castel San Lorenzo - min. 85% (con menzione Moscato)
 - Sannio - min. 85% (con menzione Moscato)

Puglia:

 - Moscato di Trani - min. 85%

Sicilia:

 - Moscato di Noto Naturale o Moscato di Noto - 100%
 - Moscato di Siracusa - 100%

Sardegna:

 - Moscato di Cagliari - min. 95%
 - Moscato di Sardegna - min. 90%
 - Moscato di Sorso-Sennori - 100%

Produttori di interesse:

Piemonte:

 - Arbiola
 - Bava
 - Bera F.lli
 - Bianco Marco
 - Borgo Maragliano
 - Ca' d'Gal
 - Cascina Barisél
 - Cascina Castlèt
 - Cascina Fonda
 - Caudrina
 - Degiorgis Sergio
 - Forteto della Luja
 - Gatti Piero
 - I Vignaioli di S.Stefano
 - La Morandina
 - La Spinetta
 - Marchesi di Gresy
 - Marenco
 - Montaribaldi
 - Elio Perrone
 - Saracco Paolo
 - Scagliola
 - Spertino Luigi

Valle d'Aosta:

 - La Crotta di Vegneron
 - Ezio Voyat

Lombardia:

 - Ca' Montebello
 - Verdi Bruno

Veneto:

 - Le Salette
 - Masottina

Emilia Romagna:

 - Ca' Rossa
 - La Stoppa

Toscana:

 - Banfi
 - Biondi Santi
 - La Poderina
 - Mastrojanni



Abruzzo:

 - Faraone

Molise:

 - Di Majo Norante

Campania:

 - Val Calore

Puglia:

 - Botta
 - Leone de Castris

Basilicata:

 - Cantine del Notaio
 - Paternoster

Sicilia:

 - Ajello
 - Pupillo

Sardegna:

 - Cantina Sociale Gallura
 - Cantine Sardus Pater
 - Ferruccio Deiana
 - Meloni
 - Pedra Majore
 - Tenute Dettori
 - Tenute Soletta
Guida dei vitigni
© laVINIum.com - Tutti i diritti riservati
E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito.
Il collegamento al data base della guida è vietato senza esplicita autorizzazione
della direzione editoriale.
lavinium@lavinium.com