Guida dei vitigni

   Trebbiano Romagnolo

Il suo sinonimo principale è Trebbiano della Fiamma, dovuto ad un clone leggermente diverso, dagli acini più ambrati. E' il vitigno a bacca bianca più coltivato il Emilia Romagna, in particolare nella provincia di Ravenna. Fa parte della famiglia dei Trebbiani, non è in grado di fornire particolari qualità al vino, ma è molto produttivo e resistente ai parassiti, pertanto è ancora molto usato e presente in numerose d.o.c.. La coltivazione di Trebbiano Romagnolo raggiunge i 20.000 ha ed è seconda solo al Trebbiano Toscano (60.000 ha). Ha foglia media, pentalobata; grappolo medio-grande, conico-piramidale, compatto o semispargolo, alato; acino medio, sferoidale, con buccia consistente, di colore verde-giallognolo, ricca di pruina.

Segue, per regione,  un elenco di tutte le D.O.C. e D.O.C.G. dove è consentito l'utilizzo di questo vitigno e una selezione di produttori che ne fanno uso in almeno uno dei loro vini.  

Emilia Romagna

Bosco Eliceo - in uvaggio

Colli Bolognesi - in uvaggio

Colli di Faenza - da solo o in uvaggio

Colli di Rimini - in uvaggio

Colli di Scandiano e di Canossa - in uvaggio

Colli Piacentini - in uvaggio

Reno - in uvaggio

Trebbiano di Romagna - da solo o in uvaggio

Produttori di interesse: La Tosa, Barbolini, La Berta, Terre del Cedro, Le Calbane/Cesare Raggi, Fattoria Zerbina

Lazio

Bianco Capena - in uvaggio

Castelli Romani - in uvaggio

Cerveteri - in uvaggio

Guida dei vitigni